Archivio Notizie

Fondo Ristorazione

Un aiuto concreto per ripartire. 100% Made in Italy

I ristoratori possono richiedere contributi a fondo perduto per un minimo di 1000 e un massimo di 10mila euro. Possono accedere al contributo ristoranti, pizzerie, mense, servizi di catering, agriturismi e alberghi con somministrazione di cibo con i seguenti CODICE ATECO PREVALENTI

56.10.11 (ristorazione con somministrazione)
56.29.10 (mense)
56.29.20 (catering continuativo su base contrattuale)
56.10.12 (attività di ristorazione connesse alle aziende agricole)
56.21.00 (catering per eventi, banqueting)
55.10.00 (alberghi) limitatamente alle attività autorizzate alla somministrazione di cibo

che fra marzo e giugno 2020 abbiano subito un calo di fatturato di almeno il 25% rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente

È possibile presentare la domanda dal 15 novembre al 28 novembre 2020. L’ordine di presentazione della domanda non dà diritto ad alcuna prelazione sulla erogazione del contributo che verrà concesso solo in base alla corretta compilazione della domanda.

QUALI PRODOTTI SONO AMMESSI?
Almeno tre tra i prodotti vitivinicoli, pesca e acquacoltura, prodotti Dop e Igp, prodotti che valorizzano la materia prima del territorio. I prodotti che rientrano nel fondo ristorazione sono tutti quelli acquistati con documentazione fiscale, a partire dal 14 agosto 2020 che provengono dalle filiere agricole e agroalimentari Made in Italy.

Presentazione della domanda online o presso un ufficio postale, in seguito ad acquisto, con documentazione fiscale, effettuato a partire dal 14 agosto 2020. Dopo un primo controllo sarà versato un anticipo del 90% degli acquisti effettuati, tramite bonifico di Poste Italiane.

Il ristoratore deve presentare la quietanza di pagamento degli acquisti fatti.

Al termine di questi passaggi sarà saldato anche il restante 10% del totale del contributo concesso, sempre tramite bonifico di Poste Italiane

Michela MoriggiFondo Ristorazione
read more

Si! Lombardia – Sostegno impresa Lombardia

Approvata la misura “Sì! Lombardia”, che sostiene le microimprese e i lavoratori autonomi (non iscirtti al registro imprese), che sono stati particolarmente colpiti dalle restrizioni imposte dal contenimento del contagio del Covid-19, in base ai codici Ateco.

Le agevolazioni consistono nella concessione di un contributo a fondo perduto una tantum a titolo di indennizzo di 1.000 o 1.500 o 2.000 euro

Le microimprese devono avere avuto un calo di fatturato di almeno un terzo da misurare sul periodo marzo-ottobre 2020, confrontato con il medesimo periodo marzo-ottobre 2019. Tale requisito non è richiesto alle imprese costituite dal 1° gennaio 2019.

Le domande per accedere al contributo potranno essere presentate a partire dal 23 novembre 2020 nei giorni e orari dedicati al proprio codice Ateco (finestre). Tutte le finestre si chiuderanno il 27 novembre all’orario che sarà indicato nell’avviso,

AVVISO

Per le aziende che si avvalgono del servizio di contabilità presso l’Ascom la valutazione sarà svolta d’Ufficio. Pertanto le aziende che rientrano nei requisiti richiesti verranno contattate per l’inoltro della domanda di contributo.

Per tutte le altre Aziende consigliamo di rivolgersi presso il proprio commercialista allo scopo di snellire la procedura di presentazione domanda

Michela MoriggiSi! Lombardia – Sostegno impresa Lombardia
read more

Bando Regione Lombardia #IOBEVOLOMBARDO

La Regione ha previsto la concessione di voucher da utilizzare per l’acquisto di vino di qualità DOP, DOCG e IGP, questi ultimi solo se fuori areale DOP (Vini Valcamonica, Terre Lariane e Ronchi Varesini). Il vino acquistato attraverso i voucher deve essere promosso, illustrato ed evidenziato ai clienti come prodotto di qualità del territorio lombardo, anche esponendo in evidenza all’ingresso del locale la vetrofania #iobevolombardo, ricevuta con la fornitura di vino. 

BENEFICIARI: micro, piccole e medie imprese non agricole aventi almeno una sede operativa o un’unità locale in Lombardia e operanti nel settore della ristorazione verificabile attraverso il codice Ateco I.56.10.11.

CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO: Il beneficiario può ricevere fino a un massimo di n. 2 voucher del valore di 250 € ciascuno. 

CANDIDATURE: Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 10.00 del 29 ottobre 2020 fino alle ore 12.00 del 27 novembre 2020 tramite il sito http://webtelemaco.infocamere.it

Maggiori informazioni sono disponibili al sito UnionCamere Lombardia

Michela MoriggiBando Regione Lombardia #IOBEVOLOMBARDO
read more

Negozi che effettuano servizio a domicilio o asporto

NEGOZI che effettuano SERVIZIO A DOMICILIO o ASPORTO

 

Stiamo pubblicando gli elenchi dei negozi effettuano il servizio a domicilio o asporto.

Gli elenchi sono pubblicati sul nostro sito, sui social, comunicati ai media locali, e per il Comune di Busto Arsizio pubblicati anche sul sito dell’Amministrazione.

Elenchi ATTIVITA’ aggiornate al 26.11.2020

Alimentari e ristorazione

Tipologie Varie

________________________________________________________________

Elenchi ATTIVITA’ che effettuano Consegne a domicilio e Asporto che hanno aderito all’Iniziativa dei singoli Comuni

________________________________________________________________

Non sai dove si trova un’attività presente nell’elenco o vuoi calcolare il percorso per raggiungerla?

  Clicca sull’immagine, inserisci la via o la denominazione nel box di ricerca in alto a sinistra

AntoNegozi che effettuano servizio a domicilio o asporto
read more

Decreto Ristori BIS

Approvato il Decreto ristori bis. Il valore complessivo è di 2 miliardi di euro, che vanno a sommarsi ai 5,5 miliardi del primo decreto ristori. In sintesi le principali misure inserite del DL (fonte QuiFinanza).
☑️ CONGEDI
Per le famiglie in zona rossa (Piemonte, Lombardia, Valle D’Aosta e Calabria) caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto e nelle quali sia stata disposta la chiusura delle scuole secondarie di primo grado, e nelle sole ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile, previsti congedi retribuiti al 50% fino a che le scuole resteranno chiuse.
☑️ BONUS BABY SITTER
Sempre per i genitori in zona rossa, in arrivo il bonus babysitter che potrà essere richiesto solo dai lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata Inps, come i collaboratori e gli occasionali, o alle gestioni speciali di artigiani e commercianti.
Sarà incompatibile con il bonus asilo nido e non si potrà utilizzare in caso di prestazioni rese da familiari, quindi si tratta di un altro aiuto rispetto al cosiddetto “bonus nonni”.
I 1.000 euro si potranno utilizzare sempre attraverso il Libretto Famiglia e per tutto il tempo in cui le scuole resteranno in didattica a distanza. I congedi potranno essere richiesti anche dalle famiglie con disabili in caso di chiusura delle scuole o dei centri diurni, indipendentemente dall’età dei figli.
☑️ CONTRIBUTI
Nel decreto dovrebbe essere anche confermata la sospensione dei versamenti contributivi previdenziali e assistenziali in favore dei datori di lavoro privati appartenenti ai settori delle zone rosse, arancioni e gialle, colpiti dalle restrizioni anti-Covid.
☑️ AFFITTI E IMU
Confermato il credito d’imposta al 60% per gli affitti dell’ultimo trimestre (ottobre-dicembre) e la cancellazione della seconda rata dell’Imu di dicembre a tutte le nuove categorie inserite nel decreto Ristori bis.
☑️ BAR, GELATERIE, PASTICCERIE E CENTRI COMMERCIALI
In arrivo un incremento del 50% dei contributi a fondo perduto per bar, gelaterie e pasticcerie rispetto a quanto ricevuto a luglio.
Contributi anche per le attività dei centri commerciali. Il contributo viene erogato dall’Agenzia delle entrate previa presentazione di istanza secondo le modalità disciplinate dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia stessa.
Vengono rinviati gli acconti di novembre “delle imposte sui redditi e dell’Irap” per tutte le partite Iva delle zone rosse che dovranno chiudere, “indipendentemente dalla diminuzione del fatturato o dei corrispettivi”. Con il provvedimento quindi si elimina, per le categorie più colpite dalla stretta, il vincolo previsto dal decreto Ristori che rinviava da novembre al 30 aprile 2021 gli acconti per i soggetti Isa e forfettari con perdite almeno del 33%.
La misura riguarderà tutte le attività che rientreranno nel nuovo elenchi dei codici Ateco allegati al decreto e che operano nelle “aree del territorio nazionale, caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto”.
☑️ CONTRIBUTI 100% E 200%
Dovrebbe allungarsi la lista delle attività che potranno beneficiare dei rimborsi a fondo perduto del decreto Ristori bis pari al 50% rispetto a luglio. Ai primi 53 codici Ateco si affiancano 57 altre categorie, ammesse ai contributi a fondo perduto tra il 100 e il 200%, che dovranno chiudere perché operano nelle zone rosse.
Tra le novità ci sono negozi di abbigliamento e di elettrodomestici, ambulanti, estetisti, tatuaggi e piercing, canili, agenzie matrimoniali e sexy shop.
Si allunga la lista delle attività ammesse che riceveranno il 50% di rimborso: dalle rosticcerie ai bus turistici, dagli internet point ai produttori di fuochi d’artificio, dai lavoratori del settore wedding come fotoreporter e negozi di bomboniere alle lavanderie.
Riceveranno invece il doppio rispetto al dl Rilancio le attività di catering e banqueting, i parchi tematici, i musei, le biblioteche, gli orti botanici e gli zoo.
☑️ TASSE
Vengono rinviati gli acconti di novembre delle imposte sui redditi e dell’Irap per tutte le partite Iva delle zone rosse che dovranno chiudere, indipendentemente dalla diminuzione del fatturato o dei corrispettivi.
Con il provvedimento quindi si elimina, per le categorie più colpite, il vincolo previsto dal decreto Ristori che rinviava da novembre al 30 aprile 2021 gli acconti per i soggetti Isa e forfettari con perdite almeno del 33%.
La misura riguarderà tutte le attività che rientreranno nel nuovo elenchi dei codici Ateco allegati al decreto e che operano nelle aree arancioni e rosse.
Sospensione del pagamento dell’acconto ISA (Indici Sintetici di Affidabilità fiscale) nelle zone rosse. La bozza del dl Ristori bis prevede l’estensione della proroga del termine di versamento del secondo acconto per i soggetti che applicano gli indici sintetici di affidabilità fiscale indipendentemente dalla diminuzione del fatturato o dei corrispettivi.
Il rinvio degli acconti che devono versare i soggetti ISA) viene esteso a tutte le attività con ‘domicilio fiscale o sede operativa nelle aree del territorio nazionale caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto.
Michela MoriggiDecreto Ristori BIS
read more

Emersione Lavoro Nero

 

Dal 1 Giugno 2020 al 15 Agosto 2020 è possibile presentare le domande per le procedure relative all’emersione dei rapporti di lavoro dei cittadini extracomunitarie al rilascio di permessi di soggiorno temporaneo per cittadini stranieri con permesso di soggiorno temporaneo scaduto dal 31/10/2019.

Sono interessati, tra gli altri, i settori dell’assistenza alla persona (ad esempio badanti) ed il lavoro domestico (Colf)

 

Gli Uffici dell’Associazione Commercianti sono a disposizione per il servizio di compilazione e inoltro delle domande

Michela MoriggiEmersione Lavoro Nero
read more

Bando Distretti del Commercio

Il Distretto del Medio Olona
(di cui fanno parte i Comuni di Cairate, Castellanza, Fagnano O., Gorla Maggiore, Gorla Minore, Marnate, Olgiate O. Solbiate Olona)

partecipa al Bando Distretti del Commercio per la ricostruzione economica territoriale urbana. Compila il questionario per aiutarci ad allocare nel miglior modo possibile i contributi regionali

 


Regione Lombardia (con decreto n. 6401 del 29/05/2020 pubblicato nel Burl il 4/06/2020), ha approvato il
Bando Distretti del Commercio per la ricostruzione economica territoriale urbana. 

 


L’obiettivo di Regione Lombardia, attraverso i Comuni e i Distretti del Commercio, è quello di sostenere in modo concreto e rapido la “ricostruzione” dell’economia dei Distretti stessi supportando le singole attività commerciali, di svago, di servizi alla persona, di ristorazione e somministrazione dopo l’emergenza causata dal virus Covid19. I lunghi mesi di attività bloccata o ridotta al minimo hanno provocato conseguenze economiche e sociali gravissime e si rende quindi necessario un intervento urgente affinché la nostra città continui ad essere un luogo piacevole dove vivere, anche grazie alle attività ed ai servizi offerti ai cittadini.

Il Comune Capofila del Distretto, Solbiate Olona, si è immediatamente accreditato per il bando (ricevendo conferma il 16 giugno 2020).
I fondi di Regione Lombardia saranno disponibili entro l’anno 2020, ma l’Amministrazione comunale grazie alla cosiddetta premialità (anticipo di 100 mila euro da parte di Regione) intende procedere celermente ed erogare i fondi in autunno. 

DESTINATARI:

le PMI e gli aspiranti imprenditori con unità locale nel territorio del Distretto che svolgano attività di
– somministrazione o vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, con vetrina su strada o situata al piano terreno degli edifici;
– logistica, trasporto e consegna a domicilio.


COMPILA IL QUESTIONARIO

Per definire al meglio i termini del bando comunale rispondenti alle necessità dei partecipanti COMPILA QUI

Nelle prossime settimane vi forniremo ulteriori dettagli.

Michela MoriggiBando Distretti del Commercio
read more

ConfCommercio Academy

CORSI DI FORMAZIONE ON-LINE

Investi il tuo tempo in maniera semplice partecipando alle nostre proposte formative on-line.

 

Confcommercio Uniascom provincia di Varese presenta “Academy”, nuovo servizio dedicato alla formazione online. A partire dal 22 giugno un ricco programma di webinar a pagamento e gratuiti, rivolti ai soci e ai non soci. Ogni corso prevede una scheda di presentazione e il relativo link di accesso al modulo di partecipazione

Michela MoriggiConfCommercio Academy
read more

Bando Safe Working

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE

Si informa che è stato approvato e pubblicato il nuovo testo del bando Safe Working. Regione Lombardia e Camere di Commercio lombarde hanno deciso infatti di modificare il bando introducendo i seguenti elementi di novità: 

  • finanziamento di interventi di digital business
  • termine presentazione delle domande: 30 novembre 2020

Come previsto al punto B.2 del nuovo testo del bando, le imprese che hanno già presentato la domanda sul Bando Safe Working alla data del 6 ottobre 2020 (data di pubblicazione sul BURL della Delibera di Giunta Regionale 1° ottobre 2020, n. XI/3627), nell’ottica della parità di trattamento, possono presentare una ulteriore domanda integrativa di contributo esclusivamente per gli interventi di digital business

Vedi lettere i) e p) di cui al punto B3

Michela MoriggiBando Safe Working
read more